La storia di Bad Mergentheim, città della salute

Il nome Mergentheim è documentato per la prima volta nel 1058. A partire dalla fine del XII secolo, a Mergentheim si trovava la sede dell’Ordine Gerosolimitano. Durante il XIII secolo si insediarono a Mergentheim l’Ordine Teutonico e l’Ordine Domenicano.

Chiesa del castello nel Deutschordensschloss (Castello dell’Ordine Teutonico) dall’alto
Chiesa del castello nel Deutschordensschloss (Castello dell’Ordine Teutonico) dall’alto

Quando, nel 1525, venne distrutto il castello di Horneck, fino ad allora residenza del Maestro di Germania, la “futura Mergentheim” fu eletta a nuova sede. Due anni più tardi il Maestro di Germania assunse anche la carica di “Amministratore dell’incarico di Gran Maestro in Prussia”. Mergentheim divenne in tal modo residenza del Gran Maestro e Maestro di Germania.

Nel 1809 la magnificenza della residenza ebbe una brusca fine. Dietro ordine di Napoleone il territorio di Mergentheim venne unificato sotto la corona del Württemberg. Mergentheim divenne un capoluogo amministrativo del Württemberg, ma degradò a insignificante cittadina di provincia.

La scoperta delle sorgenti curative nel parco termale di Bad Mergentheim

Il 13 ottobre 1826, il pastore Franz Gehring stava pascolando il suo gregge lungo il Tauber. A un tratto si accorse che le sue pecore si affollavano intorno a dell’acqua filtrante. Il pastore l’assaggiò con prudenza: aveva un gusto amaro e salato. Gehrig denunciò in comune la propria scoperta allo scoltetto Kober. Questi visitò la fonte quello stesso giorno assieme ai suoi consiglieri e all’ufficiale sanitario del distretto, Christian Friedrich Bauer. Furono loro ad avvertire il distretto e a predisporre le prime analisi. Dalla perizia risultò che l’acqua era paragonabile all’allora già famosa acqua di Bad Kissingen.

Il 23 giugno 1829 ebbe inizio la prima stagione termale di Mergentheim. Dopo un modesto inizio, con il passare del tempo l’attività termale si sviluppò, andando a caratterizzare sempre di più la città. In occasione del centesimo anniversario dalla scoperta della fonte, il 2 agosto 1926, la città ottenne l’appellativo di “Bad”; da allora il suo nome ufficiale è diventato “Bad Mergentheim”. Lo scoppio della II Guerra Mondiale inferse un duro colpo all’attività termale. Bad Mergentheim divenne un lazzaretto, tuttavia trasse vantaggio da questa condizione, poiché la città venne quasi totalmente risparmiata dalle brutali battaglie nella valle del Tauber, così come dai bombardamenti e dagli attacchi aerei.

Nel dopoguerra, la città della salute riuscì a registrare un notevole slancio ed un costante incremento del numero degli ospiti in cura. Il culmine fu raggiunto nel 1972 con circa 1,4 milioni di pernottamenti per 6.000 posti letto. Successivamente, a causa della Recessione, il numero di pernottamenti e di visitatori tornò a scendere. Anche se nel periodo successivo le condizioni peggiorarono a causa di ulteriori limitazioni legislative (riforma della sanità), dal 1987 fino al 1995 la città termale tornò a confermare la sua posizione di “milionaria nei pernottamenti”. Nel 2001, con oltre 100.000 visitatori e oltre 900.000 pernottamenti, Bad Mergentheim entra come prima a far parte della cerchia delle principali località termali del Baden-Württemberg.